the 100 clexa

In un’intervista rilasciata a TV Insider, Jason Rothenberg parla di come ha vissuto i giorni successivi alla morte di Lexa:

Nelle ultime due settimane non ho fatto altro che pensare [alla morte di Lexa]. Mi ci è voluto del tempo per ragionare – ho ascoltato e letto tutto quello che ho trovato.

Non ho voluto parlarne su Twitter per non infiammare la situazione, non spettava a me pilotare la conversazione. Volevo ascoltare e cercare di capire. 
Siamo stati colti di sorpresa, ma non dal fatto che le persone fossero sconvolte; avete ragione nel dire che in un certo senso ce lo aspettavamo.”

Lo showrunner di The 100 ha anche spiegato che la storia delle Clexa non doveva avere necessariamente un lieto fine: “La storia che stiamo raccontando è una tragedia: Lexa è stato un personaggio importante per i nostri fan, specialmente quelli che fanno parte della comunità LGBTQ, e sapevo che [il suo addio] sarebbe stato molto emozionante.”

continua a leggere dopo la pubblicità

Col senno del poi cambierebbe la storia di Lexa? Jason dichiara che non lo farebbe:

Sostengo la storia che abbiamo raccontato; penso solo che non l’avrei enfatizzata dicendo ‘questo è il miglior episodio che abbiamo mai realizzato!’.
Nessuno poteva aspettarsi ciò che è successo.

The 100 è una serie in cui i personaggi muoiono, e questa è un’altra ragione per cui eravamo così sorpresi. È ambientata cent’anni nel futuro in un mondo post-apocalittico – chiunque può morire.

 Nella prossima pagina:
Alycia Debnam-Carey rompe il silenzio sul caso Clexa!

Interazioni con il lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Inserisci tvserial.it nella whitelist del tuo ad blocker oppure disabilitalo temporaneamente.

Grazie per il tuo supporto!

X